SIMPE

Dettaglio News
How to

Cari genitori e cari bambini approfittate del "tutti a casa" per recuperare il tempo insieme

1/4/2020
Lettere aperta SIMPE Puglia


Lettera aperta alle famiglie


Cari bambini e adolescenti, nonché cari genitori e nonni, in questo difficile momento in cui la nostra vita e le regole sociali sono state velocemente stravolte ad opera di un invisibile nemico da cui dobbiamo tutti difenderci “stando a casa “, come presidente del la Società Italiana Medici Pediatri della regione Puglia, insieme a tutti i suoi componenti, ho sentito la necessità di esprimere pubblicamente   la vicinanza dei pediatri alle famiglie.

Comprendiamo infatti come giorno dopo giorno, sia difficile la vita di noi tutti chiusi in casa, vivendo di ansie e di paura, che dobbiamo invece essere in grado di gestire perché, ci auguriamo presto, saremo in grado di sconfiggere il Coronavirus se ognuno di noi, grandi e piccini, faremo la nostra parte.

Anche noi pediatri stiamo facendo la nostra parte, chi in ospedale e chi sul territorio, certamente non in condizioni ottimali, tanto che, mancando di Dispositivi Individuali di Protezione, siamo costretti ad operare con mascherine e guanti, cercando di limitare le visite per non esporre noi e voi al contagio.

Siamo sempre a disposizione telefonicamente per le vostre necessità che riguardino le patologie e le esigenze di salute dei piccoli, come anche dei nostri ragazzi.
 
La nostra Mission rimane sempre quella di TUTELARE IL BENESSERE E L’INTEGRITA PSICOFISICA dei vostri figli.


Per questo siamo qui a dare delle indicazioni di massima su come scandire con loro le giornate di quest’emergenza.

Nell’ infanzia certamente il gioco, l’attività grafica, creativa, la lettura di favole e racconti dovrebbe essere privilegiata per aiutare i piccoli a acquisire delle abilità e delle competenze di base che favoriranno il loro sviluppo; certamente ci saranno i cartoon che faranno la loro parte ma senza eccedere.

Ricordiamo che la sedentarietà non è una buona regola, tanto meno consentire loro di non annoiarsi davanti alla TV con snack poco salutari e fuori pasto.

Ricordiamoci che sovrappeso ed obesità sono anche loro di casa nella nostra regione. 

A questo proposito sarà opportuno coinvolgerli in cucina, per la preparazione di un dolce genuino per la merenda oppure proporre loro frutta e verdura, come carote e finocchi, che associati ad una storia in cui personaggi ed eroi a loro cari che ne vanno matti, finirà con l’abituarli ad una sana alimentazione, anziché le solite barrette o merendine.

 Sarebbe carino coinvolgerli in una sana attività fisica, magari grandi e piccoli insieme sul tappetino, oppure con un po’ di musica insieme a ballare; così come nell’attività di giardinaggio, affidando loro una piantina che vedranno crescere giorno per giorno, oppure nelle cure per il proprio animale domestico favorendo lo sviluppo dell’affettività.

Insomma in queste giornate i genitori devono ritrovare il tempo, che la vita frenetica solitamente sottrae a noi adulti, per dedicare ascolto, attenzione e amore ai propri figli.

Penso anche ai Nonni, figure ed affetti importanti per tutte le generazioni, i quali improvvisamente non possono più incontrarli e sono isolati per ovvi motivi.

I bambini sino ad una certa età vivono il presente, il momento; è quindi opportuno spiegare loro che i nonni li salutano tanto e che non gli hanno abbandonati; che per la buona salute dei nonni stessi, non possono recarsi da loro perché potrebbero portare con sé questo insidioso animaletto… detto Coronavirus.

Allora, se possibile, facciamo ricorso alla tecnologia per una videochiamata ogni tanto, per ricordare ad entrambi, nonni e nipoti, che ci sono e che si vogliono un gran bene; così chi di noi è più avanti negli anni si sentirà meno solo anche se chiuso in casa.

Cari Adolescenti, anche voi siete nei nostri pensieri…
Le piattaforme digitali per fortuna vi consentono di portare la scuola a casa ed interagire con insegnanti e compagni, poi ci sono i media, i social per mantenersi in contatto, un ottimo film in TV o da seguire sul PC, la musica da ascoltare, ma direi soprattutto un buon libro da leggere.

Voi ragazzi rappresentate le risorse che dovranno essere messe in campo per affrontare le sfide che ci aspettano, in un mondo in cui, un altro coronavirus potrebbe nuovamente presentarsi, ma sarete anche coloro che da questa esperienza dovranno uscirne più forti e preparati, imparando dagli errori dovuti alla mancanza di programmazione, di fronte alla quale noi ci stiamo trovando.

Ma la realtà di questi giorni preoccupa noi pediatri soprattutto perché non possiamo ignorare tutte quelle tensioni che possono scaturire in ambito familiare, in momenti di contatto obbligato, e che potrebbero generare momenti di violenza anche assistita.  Vi preghiamo invece di contenere la tensione e la rabbia facendo appello al vostro grande senso di genitorialità.

Ci stanno particolarmente a cuore  i nostri ragazzi con gravi patologie che non possiamo seguire in Assistenza Domiciliare integrata o programmata ,in ottemperanza alle nuove  disposizioni, per ridurre la loro esposizione al rischio  di contagio che noi sanitari possiamo rappresentare; pensiamo ai bambini e ragazzi istituzionalizzati per vari motivi e situazioni,  pensiamo al disagio dei bambini autistici e iperattivi in spazi ristretti, ai ragazzi oncologici o con malattie rare e gravi ospedalizzati.

Per tutti loro e per le loro famiglie noi siamo ogni giorno a disposizione, al loro fianco, per sostenerli e aiutarli a superare insieme questa crisi legata al Covid 19, certi che, in un periodo più o meno breve, torneremo ad abbracciarci , avendo maggiore  consapevolezza del valore che ha la vita.

Maria Rosaria Filograna
Presidente SIMPE Regione Puglia





© SIMPE - Società Italiana Medici Pediatri • Sede Legale: Via A. De Benedictis, 16/A - 64100 Teramo • C.F. 97764690588 • P.IVA: 14011841005